Articoli

comunicazione commerciale
06
Mar

L’UK IPO rilascia il secondo report su social media, influencer e contraffazione

In data 22 febbraio 2024, l’Intellectual Property Office inglese (UK IPO) ha rilasciato il proprio report sull’impatto dei social media influencer nel consumo di merci contraffatte da parte degli uomini nel Regno Unito. Il rapporto segue quello già rilasciato nel 2021 incentrato sui consumatori di sesso femminile. Dal report emerge che ben il 35% del campione considerato...
Leggi
15
Feb

L’AGCM sanziona produttori di sigarette elettroniche per pubblicità ingannevole

Si chiude con una sanzione di € 6 milioni alla British American Tobacco Italia S.p.A. e di € 1 milione Amazon EU S.àr.l. l’istruttoria dell’AGCM, che ha riguardato la comunicazione commerciale – sia tramite cartelloni pubblicitari e spot, che sui siti web (compreso Amazon.it) – per la promozione dei dispositivi a tabacco riscaldato Glo Hyper...
Leggi
25
Gen

Approvato in Consiglio dei Ministri il cd. “Ddl Ferragni”

Il Consiglio dei Ministri indetto nella giornata odierna si è occupato di un tema rivelatosi centrale nel nostro ordinamento socio-economico, ossia quello della chiarezza e della trasparenza della comunicazione commerciale, specialmente quando questa abbia ad oggetto attività benefiche. Dopo il polverone sollevato dal caso Balocco/Ferragni e dalle indagini successive, il Governo ha sentito la necessità...
Leggi
23
Gen

In arrivo la cd. legge Ferragni, per la regolazione dell’attività degli influencer con finalità benefica

In risposta al caso Balocco/Ferragni, il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha annunciato che al prossimo Consiglio dei ministri, previsto per giovedì 25 gennaio, arriverà una nuova norma sulle attività commerciali con scopo benefico. Nell’intento del Governo, la finalità benefica dell’attività dovrà essere chiara e i dettagli dell’operazione trasparente, proprio per evitare il rischio di condurre in...
Leggi
09
Dic

Ingannevolezza della comunicazione commerciale relativa a investimenti in NFT, coinvolto anche Cristiano Ronaldo

Davanti al tribunale federale della Florida, Cristiano Ronaldo è finito al centro di una class action, quest’ultima avente ad oggetto la comunicazione commerciale relativa alla promozione di “non fungible tokens” o “NFT” emessi dalla piattaforma di criptovalute Binance, in quanto considerata “fuorviante e illegale”. Per questo motivo, i ricorrenti chiedono un risarcimento danni di oltre un...
Leggi
05
Dic

La comunicazione sulla sostenibilità ambientale che non corrisponde sempre a un concreto impegno: il report di InfluenceMap

Un’analisi impietosa quella di InfluenceMap, centro di ricerca indipendente che studia l’impatto degli operatori economici e finanziari sulla crisi climatica, che ha evidenziato un rilevante divario tra la comunicazione sulla sostenibilità e il reale sostegno agli impegni di governo e internazionali per il clima di alcune imprese. Prendendo in esame un campione di 300 operatori...
Leggi
09
Nov

“100 recycled”: secondo la BEUC, Coca-Cola, Nestlé e Danone fanno un utilizzo abusivo dei green claims

Mentre sul fronte europeo si sta spingendo verso l’adozione di una direttiva volta alla regolamentazione dei “green claims”, i grandi colossi del settore alimentare e delle bevande, Coca-Cola, Nestlé e Danone, hanno diffuso e venduto sul suolo europeo bottiglie, recenti il claim “100% recycled”. Un’affermazione che ha suscitato l’ira di ambientalisti e degli organismi di...
Leggi
07
Nov

Compagnie aree e fashion industry nel mirino dei consumatori per greenwashing

Le controversie in materia di greenwashing si stanno diffondendo, in particolar modo in Europa e negli Stati Uniti. Nel vecchio continente, l’attenzione delle associazioni ambientali e dei consumatori è stata rivolta alla comunicazione commerciale delle maggiori compagnie aeree, con quattro casi aperti, nelle quali si contesta la scarsissima effettività della politiche di compensazione delle emissioni...
Leggi
18
Ott

L’attività degli influencer al vaglio del Consumer Protection Cooperation Network

Il crescente peso dell’attività online degli influencer nella digital economy, che dovrebbe raggiungere un volume globale di circa € 19.8 bilioni al termine del 2023, sta richiamando l’attenzione delle istituzioni, che temono che l’assenza di chiare regole possano, da un lato, ledere i consumatori e, dall’altro, permettere di sfuggire alla tassazione. Nelle prossime settimane, dunque,...
Leggi
22
Mag

Anche Nike convenuta di fronte alla District Court con accusa di greenwashing: necessarie regole più stringenti?

Dopo H&M, è la volta di Nike a doversi difendere in una class action di fronte alla U.S. District Court dell’Eastern District of Missouri, con l’accusa di greenwashing. Ciò che si contesta è che la “sustainable collection” del brand presenti molti prodotti composti da materiali sintetici, pertanto non riciclabili e, comunque, dannosi per l’ambiente. Le...
Leggi
1 2